lunedì 11 febbraio 2013

LE GRAFFE NAPOLETANE - CIAMBELLE DI PATATE





Dal blog Profumodilievito, dove ogni "lievitato" fa sognare...una magìa facilmente replicabile, basta un po' di amore, e di attenzione...

Eccole, Carnevale è quasi finito, Gilda sta per ripartire per Monaco, sono triste e allora le mani hanno bisogno di cose soffici da impastare...


LE GRAFFE NAPOLETANE CON LE PATATE

Ingredienti:

500gr farina forte  (Manitoba)
80 gr latte (nell'originale 100 g, eventualmente aggiungetene, ma partite da 80)
100gr burro 
3 uova medie 
200gr patate lessate (meglio a vapore) e schiacciate 
80gr zucchero 
15gr lievito di birra 
8gr sale 
buccia grattugiata di un limone 

Mescoliamo il latte tiepido con il lievito e 90gr di farina. Quando sarà gonfio (ca. 40') uniamo le uova, il sale, lo zucchero e circa 300gr di farina, incordiamo. 

Aggiungiamo le patate a temperatura ambiente ed il resto della farina, incordiamo poi uniamo il burro appena morbido (non in pomata), incordiamo ancora. 
Se non riusciamo ad incordare, quando l’impasto è diventato elastico spegnamo la macchina e copriamo. 
Dopo 15 minuti facciamo fare 5 – 6 giri a vel. bassa, copriamo. Dopo 15 minuti ripetiamo l’operazione, copriamo e lasciamo raddoppiare (ca. 2 ore).


Rovesciamo sul tavolo, diamo un paio di giri di pieghe 2 (prendiamo un lembo, tiriamolo delicatamente verso l’esterno e portiamolo al centro. Prendiamo l’angolino destro e ripetiamo l’operazione. Quando abbiamo completato il giro riprendiamo l’operazione facendo una maggiore pressione al centro e completiamo un altro giro, dovremo ottenere una mezza sfera tesa), rovesciamo e copriamo con pellicola.


Dopo circa un’ora rovesciamola di nuovo, pieghiamo in due ed allunghiamo.
Spezziamo in pezzi da 60gr e avvolgiamo stretto. 
Quando abbiamo finito riprendiamo dal primo e, con le dita infarinate, premiamo al centro fino a forare.
Facciamo roteare sul dito per formare l’anello e mettiamo man mano sul tavolo poco infarinato coprendo con pellicola, lasciamo lievitare 30 minuti.
Riscaldiamo a 170° abbondante olio di arachidi (devono galleggiare), immergiamo poche per volta dal lato che era in alto. Non appena finisce di gonfiare giriamo e portiamo a doratura. Giriamo ancora e portiamo a doratura.

Asciughiamo con carta da cucina e passiamo nello zucchero eventualmente mescolato con poca (pochissima, ma la consiglio)  cannella in polvere.


Non sono semplici "graffe"... sono poesia....
Posta un commento

CROSTATA DI FRUTTA AL LIMONE

Devo dire che la crostata di limone è uno dei miei dolci preferiti, ma solo ed esclusivamente questa, con il Lemon Curd, la crema ing...