domenica 1 aprile 2012

SIAMO (E SAREMO) ANCHE QUI

http://www.paesesera.it/Rubriche-e-opinioni/Alla-scoperta-delle-strade-delle-donne



QUESTA é la scheda che ho scritto per la pubblicazione:



RACHEL CARSON madre di un’idea


Nel 1962, quando Silent Spring è stato pubblicato la prima volta, "ambiente" non era nemmeno una voce nel vocabolario della politica.
Rachel Carson é stata innanzitutto la madre di un’idea, quella dell'interconnessione tra gli esseri umani e l'ambiente naturale, piantando  i semi di un nuovo attivismo che è cresciuto fino a diventare una delle più grandi forze popolari di tutti i tempi: l'inizio del moderno movimento ambientalista.

Carson non era solo una scienziata, era anche una donna che sapeva ascoltare: ascoltò un’altra donna, Olga Owens Huckins di Duxbury, Massachusetts, che le scrisse che il DDT  stava uccidendo gli uccelli. Fu apostrofata come “isterica”.

Negli Usa l'impatto di Primavera silenziosa è stato paragonato a quello della Capanna dello zio Tom, entrambi si collocano tra i libri rari che hanno trasformato la società americana: nel 1992 una giuria ha selezionato Primavera silenziosa come il libro più influente degli ultimi cinquanta anni, mentre l'attacco contro Rachel Carson dopo la pubblicazione di Silent Spring è stato confrontato con quello a Charles Darwin quando uscì L'origine delle specie.

Durante la scrittura di Silent Spring, Carson ha subito una mastectomia radicale e poi la radioterapia. Due anni dopo la pubblicazione del libro, è morta di cancro al seno. Amara ironia della sorte, le nuove ricerche indicano un’alta correlazione tra questa malattia e l'esposizione a sostanze chimiche tossiche.
Quindi, in un certo senso, Carson ha letteralmente scritto per la sua vita, e con la sua vita.





SHARE:
Posta un commento
pipdig